I quartieri di Barcellona che i turisti non visitano, ma dovrebbero farlo

Pubblicata il 29 marzo 2016

Ostelli e Alberghi - Sarrià
© Copyrights: Jorge Franganillo

Sarrià, un quartiere esclusivo con atmosfera di villaggio

Se siete viaggiatori zaino in spalla a Barcellona, molto probabilmente alloggiate in un ostello in centro città - conoscete dunque la città vecchia (Cuitat Vella), il quartiere vivo e multiculturale di Raval, quello hip di Gracia o le eleganti strade del Eixample, ma se avete già visto le attrazioni principali e vi siete già perduti più volte nel centro storico, qui vi proponiamo alcuni quartieri poco conosciuti che vale la pena esplorare. 

Sant Andreu

Non tanti residenti di Barcellona (a parte quelli che vi abitano) si avventurano in questo quartiere, ma visto che si trova a soli 15 minuti in metropolitana dal centro della città, non ci sono scuse per non visitarlo. Sant Andreu de Palomar, come altri quartieri della città fu un tempo un villaggio che venne inghiottito dalla città in espansione nel 1897. Ancora oggi Sant Andreu conserva moltissimo l'aspetto di "villaggio". La prima cosa che noterete quando uscite della stazione della metropolitana, è la bellissima chiesa della zona con la sua splendida cupola, diversa dalle altre chiese in città. Vagate per le strade per scoprire i negozi tradizionali di Sant Andreu, la sua bella e colorata architettura e la sua antica piazza del mercato, qundi andate a visitare la chiesa Sant Pacià, al cui interno si trova un vero e proprio mosaico di Gaudi. 

Sarrià

Sarrià è un quartiere esclusivo preferito dai cittadini benestanti di Barcellona, ma ciò nonstante, conserva ancora gran parte della sua atmosfera locale. E' stato infatti l'ultimo dei villaggi circostanti ad essere annesso a Barcellona nel 1921. Oggi Sarrià ospita eleganti palazzi, ville in stile art nouveau e antichi negozi tradizionali. I luoghi d'interesse qui includono il suo mercato coperto che esiste da secoli e la Torre Bellesguard - un edificio castello mediavale progettato da niente meno che Gaudi, e che è stato aperto al pubblico per la prima volta nel 2014. 

Horta-Guinardó

Se avete il bisogno di fuggire della città per qualche tempo e dirigervi verso la pacifica campagna che la circonda, allora il posto giusto per voi è Horta-Guinardó. Situato nel nord-est della città, il quartiere è circondato da montagne e verdi colline e offre ampi spazi aperti. Qui potete ammirare affascinanti piazze antiche, tra cui la molto tradizionale Plaza d’Eivissa, e visitare il Parc del Laberint - un romantico giardino neoclassico del 18 secolo, con il suo elegante labirinto. 

Poble Nou

Situato ad est del centro, il quartiere costiero di Poble Nou fu una volta una zona di fabbriche, stabilimenti tessili e baraccopoli. Oggi il quartiere si sta rinnovando - troverete un mix interessante di vecchi edifici industriali e l'elegante architettura per la quale è famosa la città di Barcellona. Per percepire la vera atmosfera della zona, fate una passeggiata lungo la sua Rambla costeggiata da alberi e piena di caffetterie, dopodichè dirigetevi verso la promettente zona di 22@ , che è stato paragonata alla nuova Silicon Valley, quartiere altamenete tecnologico, che attira aziende orientate alla tecnologia, nuove imprese promettenti, aziende di moda e stravaganti spazi di collaborazione.