Rimanere amici durante il viaggio: Parte 2: Come salvare l'amicizia quando tutto salta in aria

Pubblicata il 29 marzo 2016

Ostelli e Alberghi - Amicizia del viaggio

 

Come abbiamo già discusso nella prima parte, essere in viaggio potrebbe creare un pò di attrito, anche quando viaggiate con zaino in spalla con il vostro miglior amico, con il quale non avete mai litigato in precedenza. Sia che abbiate discusso sull' alloggio scadente, su un colpo di calore, sulle attrazioni da vedere, sia che si tratti di qualcosa di così banale come per esempio la capacità di leggere una mappa, ecco qui alcuni consigli su cosa fare quando tutto va male...

Viaggiate da soli per un pò

Viaggiare da soli ha tanti vantaggi evidenti e alcuni non così evidenti: avete voi il controllo, potete decidere cosa fare e quando farlo, e non dovete preoccuparvi degli altri quando le cose vanno male. Se volete svegliarvi tanto presto per vedere il sorgere del sole, fare un pisolino nel pomeriggio oppure andare a letto presto, potete farlo. Se volete andare nello stesso ristorante per mangiare la stessa pizza o lo steso kebab, potete farlo. Siete liberi di essere pigri o freneteci quanto vi pare. Allo stesso tempo però questo vi ricorderà quello che vi state perdendo...

Cominciate a sentire la mancanza dei compagni di viaggio? Probabilmente anche voi mancate a loro

Dopo aver viaggiato da soli, potete rendervi conto che vi mancano le lunghe conversazioni sull' arte del Rinascimento e sulla filosofia occidentale che facevate mentre stavate viaggiando zaino in spalla in Italia. Forse avreste voluto condividere con qualcuno lo spettacolare tramonto sulle isole greche, o desiderato la compagnia dei vostri amici durante gli stancanti viaggi in pullman visitando l'Argentina. Se avete cominciato a sentirvi in questo modo, probabilmente si sentono così anche i vostri amici. Perché non mandate loro un messsaggio o una mail per invitarli fuori a bere una birra?

Una volta tornati con i vostri compagni di viaggio, imparate a fare compromessi

Se vi piacciono le camminate ambiziose ma ai vostri amici invece no, cercate di trovare una soluzione che piace a tutti. Per esempio, se state facendo il Cammino Inca in Peru, voi potete fare a piedi la maestosa strada di 43 chilometri, mentre i vostri amici possono semplicemente prendere il treno da Cuzco. In ogni caso, l'ultima tapa è Machu Picchu, il che significa che vi ritroverete tutti insieme al punto di arrivo. 

La cosa più importante qui è assicurarsi che tutti possano viaggiare ad un ritmo che fa per loro, indipendentemente dal fatto che  questo significhi fare a piedi 15 chiolmetri al giorno, oppure usare soltanto i mezzi pubblici. Fare compromessi potrebbe rivelarsi un ottimo modo per superare i conflitti del passato ed evitare eventuali discussioni in futuro quando viaggiate zaino in spalla con i vostri amici. Fare compromessi non è soltanto un grande talento da sviluppare per i viaggi, ma è un talento che vi aiuterà per il resto della vostra vita. 

Non abbiate paura di proporre di passare qualche tempo da soli

Se volete andare a visitare una galleria d'arte, ma il vostro compagno di viaggio preferisce andare al mercato, perché non vi separate per qualche ora e vi incontrarte di nuovo più tardi? Ricordatevi che questa è la vostra vacanza esattamente come lo è per gli altri, e dunque non sprecatela facendo qualcosa che non vi piace solo per il bene degli altri. Quando avete visitato luoghi diversi e avete incontrato persone diverse, avrete anche molto di più di cui parlare alla fine della giornata.