Giuda per principianti alla cultura giapponese del bere

Pubblicata il 22 aprile 2016

Ostelli e Alberghi - Giappone

 

La maggior parte delle persone arrivando in Giappone scopre i suoi due lati contrastanti: è un paese emozionante e misterioso, accogliente ma anche confuso. E quando uscite dal vostro ostello alla ricerca della vita notturna, questa sensazione non fa che raddoppiare. Anche se la cultura legata al bere è raramente così formale come la vita professionale, esistono alcune tradizioni e variazioni regionali che vale la pena conoscere. Quello che stupisce è che la gente locale ci dà veramene dentro - per cui una volta che siete nel posto giusto, avete la garanzia di passare una meravigliosa notte fuori. Qui sotto troverete cinque cose che bisogna sapere quando avete intenzione di bere in Giappone...

1. Non ci sono mezze misure

I giapponesi ci danno dentro e stanno insieme fino a quando la notte non è finita. Se volete seguirli, dovete aspettarvi di tener duro fino alla fine della serata. La norma generale è continuare a bere insieme agli altri, ma alcune persone possono addirittura svenire e dormire mentre gli altri vanno avanti. Questo è assolutamente normale ed è preferibile piuttosto che andare a casa presto. I comportameti litigiosi vanno bene, vengono anche incoraggiati, ma non prendete questa regola come un semaforo verde per essere scortesi.  

2. Mangiare NON E' barare

Alla maggior parte dei giapponesi piace bere in un izakaya. Questi pub giapponesi sono molto più orientati al cibo rispetto alla versione Inglese, perché ai giapponesi generalmente piace accompaganare le bevande col cibo - potete renderveno conto anche voi visitando un stracolmo izakaya il Venerdì sera. Molti bar in Giappone sono a tema e potreste trovarvi in un bar giamaicano o in un bar dedicato ai giochi di computer. Molto popolari sono i bar karaoke, dove gli amici stanno insieme, bevono, e si lasciano andare cantando sentimentali canzoni d'amore. 

3. Regole per la birra e il whisky

Nonostante l'espansione dei piccoli produttori di birra, la maggior parte dei giapponesi preferisce le grandi marche di birra come Premium Malts o Super Dry, piuttosto che birre artigianali come Hitachino Nest. I ragazzi più grandi potranno bere whisky o sochu, un alcolico di riso abbastanza forte. Contrariarmente a quello che potete pensare, il sake non viene bevuto spesso, raramente viene servito caldo ed è più probabile trovarlo in un locale in campagna o in un ristorante esclusiovo kaiseki a Kyoto. 

4. Non vi è nessuno divertimento come quello a Osaka.  

Ostelli e Alberghi - Festa di Osaka

 

Dai pub riscaldati di Hokkaido a nord alla scena sociale all'aperto di Okinawa a sud, la cutura giapponese del bere ha alcune sorprendeti differenze regionali. Mentre Tokyo ha tutto quello che ci si aspetta da una grande città, la corona per la più eccitante cultura del bere va a Osaka.  Andate insieme ad un gruppo di persone locali a fare il giro dei bar e verrete colpiti da alcuni posti kushi katsu per birra e cosine fritte su bastoncini. Da lì, potete andare per un' altra birra e del takoyaki fritto, e dopo negli hip bar e club nel quartiere Namba.

5. Farà male al vostro portafoglio, ma non così tanto

Il Giappone non è una destinazione economica, come lo sono altri posti in Asia, ma i prezzi non sono nemmeno astronomici. La città di Tokyo è la più costosa, con la birra che costa tra ¥600 e ¥950 nei bar, e i cocktail con prezzi che variano da ¥1500 a ¥2500. A Osaka la birra costa da ¥350 a ¥600, e i prezzi dei cocktail variano da ¥700 a ¥1700. Il costo del sake dappertutto incomincia da ¥750 a bicchiere, mentre una lattina di birra comprata dal supermercato costa ¥250. Il karaoke costa circa ¥3000 a persona per un' ora.